MENU

MENU
4014334_1350_palazzochigi2

Sblocca Cantieri

16 marzo 2019 • evidenza, News

(ANSA) – ROMA, 16 MAR – “Sulle modifiche che sono utili a

semplificare e a sburocratizzare non c’è alcun problema di

principio. Ma se si toccano le soglie del subappalto e

l’applicazione del contratto di categoria, così come la

sicurezza sul lavoro, ovviamente non possiamo essere d’accordo.

Dobbiamo comunque vedere nello specifico le proposte sul

tavolo”. Lo afferma il segretario generale della Feneal-Uil,

Vito Panzarella, in vista del tavolo tecnico di lunedì al

ministero delle Infrastrutture sul decreto ‘sblocca cantieri’.

“All’incontro di ieri a Palazzo Chigi, il vicepremier Luigi

Di Maio ha assicurato che la soglia del 30% non verrà messa in

discussione. Vedremo le carte. La nostra preoccupazione è che si

abbassi l’asticella della trasparenza e dei controlli”, aggiunge

il numero uno del sindacato degli edili della Uil. (ANSA)

Barbagallo: Serve una cabina di regia unica per fare ripartire i cantieri
Il leader della UIL, a Palazzo Chigi, sullo ‘Sblocca Cantieri’

“Bisogna spendere subito le risorse già stanziate per fermare un’insostenibile emorragia produttiva e occupazionale. Chiediamo che siano eliminati gli ostacoli burocratici che impediscono la riattivazione o l’avvio dei cantieri”.

È quanto ha sostenuto il Segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, nel corso dell’incontro con il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, il vice Premier, Luigi Di Maio, e il ministro per le infrastrutture, Danilo Toninelli, svoltosi a Palazzo Chigi, sul cosiddetto decreto “sblocca cantieri”.

“È necessario dunque delegificare – ha proseguito Barbagallo – confermando però le garanzie per la legalità, la sicurezza e la dignità del lavoro. Ecco perché ci vuole una cabina di regia unica per un confronto sistematico tra tecnici del Governo, delle Istituzioni e delle parti sociali. Noi siamo disponibili a dare una mano”. Su richiesta dei Sindacati, quindi, il Premier ha fissato un appuntamento, a livello tecnico, presso il Ministero delle Infrastrutture, già per la giornata di lunedì 18 marzo, nel corso del quale affrontare alcune questioni relative al riavvio dei cantieri.

« »