MENU

MENU
morti sul lavoro sicurezza

Infortunio mortale a Caserta

3 febbraio 2020 • News, News Territoriali

“Ennesimo incidente mortale sul lavoro oggi a Benevento, nel cantiere della Stazione Centrale. A farne le spese un lavoratore edile, storico iscritto della FenealUil Campania, che lascia moglie e quattro figli. Lo sconforto è enorme ma nel contempo ancora più decisa si leva la nostra richiesta di intervenire contro questi numeri che devono allarmare istituzioni e politica. Ci uniamo alle parole di cordoglio del Segretario FenealUil Caserta Avellino Benevento Antonio Cirillo ed esprimiamo tutta la nostra vicinanza alla moglie e ai figli del lavoratore. Insieme chiediamo rapidità nell’attuare un piano strategico di prevenzione e contrasto alle morti sul lavoro, un fenomeno che annovera numerosi casi nel nostro settore, tra i più a rischio, e che vede proprio nella caduta dall’alto una delle principali cause di morte.”

LA FENEAUIL NAZIONALE

———————————————-

COMUNICATO FENEALUIL CASERTA AVELLINO BENEVENTO

Benevento, operaio deceduto.
Feneal UIL: “Sicurezza sul lavoro deve essere priorità del governo,
servono uomini e risorse

“Sono 40 i morti registrati nel mese di Gennaio 2020, 5 solo in Campania, a questi si aggiunge l’operaio 58enne che questa mattina ha perso la vita nel cantiere della stazione centrale di Benevento. Si tratta di un iscritto storico della Feneal Uil Campania. Siamo una grande famiglia e questa è una tragedia che tocca tutto il comparto delle costruzioni che rappresentiamo. Alla famiglia, ai suoi figli va tutta la nostra vicinanza”.

Così in una nota stampa il segretario Generale della Feneal Uil Benevento Antonio Cirillo interviene sull’incidente accorso questa mattina presso il cantiere della stazione di Benevento nella quale ha perso la vita un operaio di 58 anni, sposato con 4 figli.

“Le morti sul lavoro è un tema ancora aperto. Anche se i numeri dello scorso anno fanno segnare un – 3,9%, non possiamo ritenerci soddisfatti. Ogni vittima sul lavoro rappresenta un fallimento in termini di sicurezza e salute dei nostri operai sui luoghi di lavoro. Chiediamo al governo regionale e nazionale di tenere ancora alta l’attenzione sul tema con strumenti più incisivi per combattere il fenomeno. Noi come rappresentanti dei lavoratori – conclude Cirillo – interveniamo continuamente sui cantieri per tutelare il rispetto degli standard di sicurezza, ma c’è un sottobosco sul quale le istituzioni sono chiamate a intervenire. Non è assolutamente giustificabile la mancanza di risorse economiche e umane su questo fronte”.

 

« »