MENU

MENU
WhatsApp Image 2020-10-30 at 12.35.30

Convegno ‘Edilizia e Abitare con il Covid 19’

30 ottobre 2020 • evidenza, News

VITO PANZARELLA: “SFRUTTARE AL MASSIMO INCENTIVI E RISORSE EUROPEE PER RIGENERARE IL PAESE E SUPERARE I GAP”.


“Rigenerare le nostre città a partire dalla riqualificazione di un patrimonio immobiliare in gran parte obsoleto ed energivoro, è una sfida che il paese deve necessariamente affrontare e vincere.” Ad affermarlo è Vito Panzarella – Segretario Generale FenealUil che in mattinata è intervenuto al Convegno organizzato dalla Feneal e dalla Uil Lombardia ‘Edilizia e abitare con il Covid-19”, al quale ha partecipato anche il Segretario Generale UIL Pierpaolo Bombardieri. “Non sottovalutando assolutamente l’emergenza sanitaria attuale a cui va tutta la nostra attenzione – ha proseguito il segretario nel corso della tavola rotonda a cui hanno partecipato vari esponenti del mondo politico, universitario e imprenditoriale – cogliamo l’occasione per discutere dell’urgenza che il Paese ha di un percorso comune che consenta un vero rilancio ambientale, economico e sociale dei luoghi in cui viviamo e lavoriamo, utilizzando con efficacia le risorse che l’Europa mette a disposizione e gli incentivi introdotti dal governo.” Come ricorda Panzarella “il settore edilizio è uno dei maggiori responsabili dell’impatto delle attività umane sul clima e sull’ambiente ed un grande piano di riqualificazione potrebbe essere inserito nella lista dei progetti che serviranno per accedere ai fondi del Recovery Fund.” “Abbiamo occasioni e strumenti che non vanno assolutamente dispersi – ha paggiunto – ma piuttosto sfruttati al massimo potendo rappresentare un’occasione unica per migliorare il paese, generare ricchezza e nuovi posti di lavoro anche per superare le enormi difficoltà economiche e sociali che deriveranno dalla pandemia. Dunque infrastrutture, opere pubbliche e messa in sicurezza del territorio sono una priorità più volte sottolineata ma occorre anche un grande piano di rigenerazione urbana che investa nell’edilizia privata, il 75% del settore, e che, attraverso l’utilizzo degli incentivi, potrebbe generare un volume di spesa pari a circa 21 miliardi.”
Infine ha concluso il Segretario “tutto questo non può prescindere da un fondamentale rafforzamento della capacità di programmare della politica e dell’amministrazione puntando sulla riduzione delle stazioni appaltanti e sulla loro qualificazione a partire dall’assunzione di personale tecnico che negli anni si è notevolmente ridotto.”

Comunicato Stampa Convegno

Programma Convegno

« »